Cavaj Java Decompiler

Cavaj Java Decompiler 1.11

Scopri le sorgenti Java

Se sei uno studente di informatica, un programmatore o uno "smanettone" curioso, e vuoi scoprire come sono fatte al loro interno le applicazioni Java, Cavaj Java Decompiler è il programma giusto. Per farlo bisogna partire da un file CLASS, ovvero il bytecode generato dal compilatore Java. Visualizza descrizione completa

PRO

  • Facile da utilizzare
  • Decompilazione veloce e accurata

CONTRO

  • Non funziona direttamente con gli archivi JAR

Molto buono
8

Se sei uno studente di informatica, un programmatore o uno "smanettone" curioso, e vuoi scoprire come sono fatte al loro interno le applicazioni Java, Cavaj Java Decompiler è il programma giusto. Per farlo bisogna partire da un file CLASS, ovvero il bytecode generato dal compilatore Java.

Durante i nostri test il decompilatore CavaJ è sempre stato accurato al cento per cento e, anche nei casi di file di discrete dimensioni, ha generato il codice in pochissimo tempo, solitamente in meno di un secondo. Un'altra caratteristica molto interessante è la comoda visualizzazione della struttura del file, che elenca tutte le classi, i metodi e le variabili presenti.

L'unico problema riscontrato è l'incompatibilità con gli archivi JAR, che invece secondo il sito degli sviluppatori dovrebbe essere garantita. In realtà è un problema facilmente aggirabile, perché questi archivi possono essere decompressi usando i principali programmi di decompressione come WinRAR, ma si tratta pur sempre di un passaggio in più da fare. Inoltre utilizzando Cavaj devi anche tenere in considerazione che non sempre si hanno i diritti legali per decompilare del codice, per tanto è necessario che ti informi sulla licenza con cui è distribuito il file che vorresti esplorare.

Giudizio complessivoUno strumento ideale per chiunque abbia la curiosità di sapere come sono realizzati i programmi Java.

Cavaj Java Decompiler

Download

Cavaj Java Decompiler 1.11

Opinioni utenti su Cavaj Java Decompiler

  • William P

    di William P

    "Carino"

    Immaginavo fosse possibile fare una cosa del genere con il bytecode di Java, ma non mi era mai capitato di provarlo. Sem... Altri.

    commentato il 18 giugno 2008